Retevmo, prima terapia per il il tumore al polmone e alla tiroide con alterazione del gene RET


L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, Food and Drug Administration ( FDA ), ha approvato Retevmo ( Selpercatinib ), primo farmaco indicato nel trattamento di tre tipi di tumori che presentano un’alterazione ( mutazione o fusione ) del gene RET ( REarranged during Trasfection ).

Retevmo trova indicazione nel trattamento dei pazienti adulti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) diffuso e dei pazienti di età pari o superiore a 12 anni con carcinoma midollare della tiroide ( MTC ) avanzato o diffuso o da carcinoma tiroideo positivo per la fusione del gene RET.

L’approvazione è avvenuta sulla base dei risultati ottenuti da uno studio clinico condotto su pazienti affetti da uno di tre tipi di tumore ( 144 con tumore NSLCLC, 143 con tumore MTC e 27 con carcinoma tiroideo RET-positivo ), trattati con 160 mg di Selpercatinib per via orale 2 volte al giorno, fino a progressione della malattia o insorgenza di gravi reazioni avverse.
L’efficacia è stata misurata in base al tasso di risposta globale ( ORR ) e alla durata della risposta ( DOR ).

Relativamente ai pazienti adulti con tumore NSCLC positivo alla fusione del gene RET, 105 erano stati precedentemente trattati con chemioterapia al Platino e 39 non erano mai stati trattati in precedenza.
Nel primo gruppo, il tasso di risposta complessiva è risultato del 64%, e l’81% dei pazienti responder al trattamento ha presentato una durata della risposta di almeno 6 mesi.
Nel secondo gruppo, il tasso di risposta complessiva è stato dell’84% e nel 58% dei casi di risposta al trattamento, la durata è stata di almeno 6 mesi.

Dei 143 pazienti, adulti e pediatrici, affetti da tumore MTC con mutazione di RET, in fase avanzata o metastatica, 55 erano stati precedentemente trattati con altri farmaci ( Cabozantinib, Vandetanib o entrambi ) mentre 88 non erano mai stati precedentemente trattati.
Il tasso di risposta complessiva è risultato del 69% nei pazienti con precedente trattamento chemioterapico e del 73% nei pazienti mai trattati.
Inoltre, la durata di risposta di almeno 6 mesi è stata osservata nel 76% dei pazienti responder appartenenti al primo gruppo e nel 61% dei pazienti responder appartenenti al secondo gruppo.

Per i pazienti adulti e pediatrici con carcinoma tiroideo positivo alla fusione del gene RET sono stati individuati 2 gruppi: il primo composto da 19 pazienti refrattari allo Iodio radioattivo ( RAI ) e precedentemente trattati con un'altra terapia sistemica, il secondo da 8 pazienti refrattari a RAI, non-trattati in precedenza con terapia aggiuntiva.
Nel primo gruppo, il tasso di risposta complessiva è risultato del 79% e la durata della risposta di almeno 6 mesi è stata riscontrata nell’87% dei pazienti responder al trattamento.
Nel secondo gruppo, il tasso di risposta complessiva è stato del 100% e il 75% dei pazienti ha manifestato una durata di risposta di almeno 6 mesi.

Retevmo è associato all’insorgenza di diverse reazioni avverse, talvolta gravi.
L'epatotossicità, la grave ipertensione, il prolungamento del tratto QT, il sanguinamento e le reazioni allergiche sono state le reazioni avverse più gravi evidenziate durante lo studio.
Le reazioni avverse che si sono manifestate più comunemente comprendevano: leucopenia, trombocitopenia, eruzione cutanea, ipertensione, stanchezza, gonfiore ( nel corpo o negli arti ), alterazioni agli esami di laboratorio ( aumento delle aminotrasferasi epatiche, riduzione ematica di albumina, di calcio e sodio, aumento della creatinina e della fosfatasi alcalina ), disturbi metabolici ( iperglicemia, ipercolesterolemia ) e disturbi gastrointestinali ( secchezza delle fauci, diarrea e costipazione ). ( Xagena_2020 )

Fonte: FDA, 2020

Xagena_Medicina_2020